Skinny il delfino racconta la volpe e la cicogna

LA VOLPE E LA CICOGNA

C’era una volta una volpe, che fatta amicizia con una cicogna, pensò bene di invitarla a pranzo. La volpe briccona, mentre rifletteva su cosa servire all’amica, ebbe l’idea di farle un bello scherzetto: preparò un raffinato brodino servito in due piatti piani, molto, ma molto bassi. “Si accomodi, signora! In suo onore, ho preparato un delizioso brodo di rane e prezzemolo tritato!”

La cicogna annusò il profumo invitante, ringraziandola. Ma di lì a poco, si accorse dello scherzo: il suo lungo becco, per quanti sforzi facesse, non riusciva a bere dal basso piatto di brodo. Alla povera cicogna non restò che fare buon viso a cattivo gioco e, con finta indifferenza, rispose: “Mi è venuto un terribile mal di testa che mi ha fatto passare completamente l’appetito!” La volpe premurosa si affrettò a risponderle: “Come mi dispiace! Un così buon brodo! Peccato, sarà per un’altra volta!” La cicogna raccolse prontamente la sfida: “Ecco, brava! La prossima volta la inviterò io a pranzo, signora volpe!” e intanto, aveva già architettato un simpatico giochino.

“Che gentile!” pensò la volpe. “Non si è neanche offesa per il mio scherzo!” Si presentò a casa dell’amica cicogna l’indomani e la padrona di casa si scusò dicendo: “La mia casa è molto più semplice della sua; in compenso, le ho preparato un pranzetto degno di rispetto: granchiolini di fiume al vino bianco e bacche di ginepro!” Le porse un alto vaso, dal quale la compagna annusava con l’acquolina in bocca l’invitante manicaretto. Ma per quanto si impegnasse, la volpe non riusciva a raggiungere il cibo che giaceva sul fondo, perché il suo muso non entrava nella stretta apertura del vaso.

“Assaggi, assaggi!” invitava la cicogna, mangiando allegramente e senza difficoltà. La povera volpe, beffata e confusa, non riuscì neanche ad inventarsi una buona scusa per giustificare il suo digiuno. Quella sera, rigirandosi insonne nel letto, si disse rassegnata: “Dovevo aspettarmelo!”
Chi la fa, l’aspetti!


Autore dell'articolo: VN