Emilio Del Giudice, un grande fisico contemporaneo napoletano

Einstein nel ’33 fu il primo a definire, con grande genialità, che in fisica quantistica sarebbe possibile stabilire delle relazioni di connessione (nel gergo dei fisici “entanglement“) tra oggetti a grande distanza tra di loro.”
“I principi della Fisica quantistica ci dicono che qualunque corpo nell’universo spontaneamente fluttua: è impossibile separare la materia dal movimento, ossia la materia fondamentalmente non è inerte ma si muove, si agita, ha il Parkinson.”
“L’acqua ha un ruolo di governo delle reazioni chimiche che avvengono al proprio interno. E’ lei, con la sua frequenza, a fare il ‘direttore d’orchestra’, cioè a stabilire in ogni istante quali sono le molecole che s’incontrano. Se io cambio il ritmo di successione delle frequenze dell’acqua, come posso fare introducendo un campo esterno, allora cambia anche la biochimica che avviene all’interno.”
dal film “Un altro Mondo” – registra Thomas Torelli

Emilio Del Giudice (Napoli, 1º gennaio 1940 – Milano, 31 gennaio 2014) è stato un fisico italiano che ha lavorato nel campo della materia condensata.
Fisico teorico e pioniere della teoria delle stringhe nei primi anni settanta, in seguito divenne noto per i suoi studi con Giuliano Preparata all’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN).
È anche noto per le sue qualità di divulgatore, in particolare sulla meccanica quantistica e per essere stato un sostenitore della fusione fredda.
Durante gli anni settanta, insieme a Sergio Fubini, Paolo Di Vecchia e Gabriele Veneziano è stato uno dei cardini di un’attiva scuola di fisica teorica.
Il suo interesse scientifico è stato principalmente rivolto al ruolo dell’acqua nella fisica degli organismi viventi ed alla ricerca sulla fusione fredda.
Ha lavorato al Niels Bohr Institute di Copenaghen; e poi è stato membro dell’International Institute of Biophotonics, Neuss, Germania.
Insieme al giornalista Maurizio Torrealta ha scritto il libro “Il segreto delle tre pallottole“.
Fonti:
– Wikipedia

Autore dell'articolo: VN